Angeli

Ieri sera egli si è recato da solo a vedere uno spettacolo all’interno della chiesa sconsacrata di rue de Calais, considerato che la signorina S. è ancora contrariata per la vicenda di Victoria’s Secret, che la signora A. è scomparsa, che Enora era impegnata con un festino trance dei suoi e che Patrick doveva rimanere al locale. Quando ha attraversato il portale cinquecentesco, il signor L. è rimasto colpito dal profumo di olio bruciato che regnava all’interno delle navate, acre come la solitudine della sua serata. Lo spettacolo vedeva una ventina di donne, suddivise in due gruppi, uno molto giovane e l’altro molto anziano, muoversi a piedi nudi all’interno dello spazio vuoto ed essenziale della chiesa, compiendo gesti ora di invocazione, ora di pietà, ora di richiamo e usando il corpo femminile per farlo.
Il signor L. è rimasto immobile a osservare le creature gesticolare nello spazio, riconoscendo nei loro corpi l’intervallo nel quale si trova adesso il suo corpo, troppo vecchio per somigliare alle giovani, troppo giovane per somigliare alle anziane.
Egli ha sentito il tempo impadronirsi di lui, rotolarlo in una campagna bianca e incolta, poi ricoprirlo di neve mentre il vento soffiava e le foglie scivolavano dagli alberi perdendosi in un cielo livido e lontano come non ne aveva mai visti. Poi ha sentito una lacrima rigargli la guancia mentre la terra scuriva e lo preparava alla stagione che sta arrivando.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

20 risposte a Angeli

  1. elinepal ha detto:

    Ho letto alcuni post, mi piace, mi sembra di essere entrata in un universo parallelo. Un poco dissociante ma carino.

  2. L. ha detto:

    Il signor L. la ringrazia signora E., anch’egli ha letto con piacere le sue vicende. 🙂

  3. silenzioscrittura ha detto:

    Condividere un’emozione tanto intensa e intima con persone sconosciute è un gesto umanamente molto generoso.
    Merci
    (Anche gli speculatori immobiliari hanno un cuore.) (?)

  4. L. ha detto:

    Il signor L. non sa se si tratti di generosità o semplicemente di affari, come fa girare il denaro così ama roteare le parole, si tratta in ogni caso di sangue che scorre 🙂

  5. silenzioscrittura ha detto:

    Per fortuna ci separano centinaia di chilometri, Monsieur L.

  6. L. ha detto:

    Dice che il signor L. è stato antipatico? Perdoni, non era sua intenzione, stava discutendo della politica italiana e questo lo ha messo di cattivo umore 🙂

  7. silenzioscrittura ha detto:

    No, non intendevo quello. Lei, a suo modo, è pericoloso…

  8. L. ha detto:

    Anche Lei pare esserlo, a suo modo. Ma le due pericolosità potrebbero elidersi a vicenda. O spingersi in direzioni distinte. Una potrebbe dedicarsi all’anima l’altra al corpo. O ancora potrebbero ignorarsi, come due passanti che si incrociano e non sospettano l’uno l’efferatezza dell’altro. Dunque si dovrà vedere che intenzioni hanno. 🙂

  9. silenzioscrittura ha detto:

    non riesco a distinguere l’anima dal corpo, chi prende uno prende l’altro: questione di cervello, come sempre

  10. silenzioscrittura ha detto:

    mentre la Corea minaccia gli USA con le armi nucleari… ottimo diversivo

  11. L. ha detto:

    Uno dei fratelli del nonno del signor L. aveva l’abitudine di attribuire al proprio cane il nome della guerra in corso. Egli ha avuto un cane di nome Corea. Se fosse ancora vivo chissà quale nome sceglierebbe oggi.

  12. Elena ha detto:

    Diretto e piazzante! Ma mi piace!

  13. L. ha detto:

    La ringrazio, Elena, il tempo della nostra vita non sempre coincide con quello del nostro corpo 🙂

  14. deorgreine ha detto:

    Ma qui si da del lei o del Voi?

  15. L. ha detto:

    Qui si fa e si dice come si vuole, che il signor L. è uomo accogliente 🙂

  16. deorgreine ha detto:

    Allora vi darò del Voi, che mi pare le si addica. Mi chiedevo: ma non è che si sporca i pantaloni bianchi a sedersi così sull’erba verde?

  17. deorgreine ha detto:

    oh, mi scuso, intendevo dire: non è che Vi sporcate i pantaloni bianchi, a sederVi così sull’erba verde?

  18. L. ha detto:

    Cosa c’è di più bello dello sporcare il bianco con il verde dell’erba? 🙂

  19. dida ghini ha detto:

    condivido silenzioscrittura: pericoloso

  20. L.. ha detto:

    Anche lo stiletto della signorina Dida pare essere pericoloso, seppure bellissimo 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...