Natura

Il signor L. sta osservando i cespugli scossi dalla brezza leggera della mattina e godendo della sensazione di pace che quella natura selvaggia gli trasmette, quasi che il primordiale della natura faccia pari con il primordiale in lui, un tempo talmente antico e talmente accettato da renderlo tranquillo e calmo. Ma in realtà ciò che gli appare come natura, quella spiaggia selvaggia, quella vegetazione spontanea, quei cavalli che vagano tranquilli tra le dune, è quanto di più artificiale vi sia a quelle latitudini, il prodotto di secoli di lotta dell’uomo contro la furia della tempesta, un simulacro talmente simile al vero da confondersi con esso e rendere impossibile ogni distinzione.
Il signor L. si chiede se la propria idea di natura debba continuare ad escludere l’uomo e dunque se questi non sia parte del tutto ma sia solo un soggetto terzo che non è chiamato a partecipare al discorso. Oppure se l’uomo, come è evidente a Schiermonnikoog, faccia parte del discorso e dunque non vi sia alchimia o tecnologia o pratica che possa sottrarsi al partecipare alla natura, un ipad alla pari di un bosco.
Ma in quel momento l’ipad gli segnala l’arrivo di un messaggio della signorina S., la sua amante lo sta cercando da giorni e può darsi che proprio in quel corpo mutante egli troverà la risposta alla domanda che si è posto.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

10 risposte a Natura

  1. dorotea ha detto:

    Si tratta di pensarci in ordine orizzontale rispetto a tutti gli altri elemente della natura. Dopotutto siamo natura, estesa magari per mezzo della tecnologia, ma pur sempre natura.
    Il problema (ma questa e’ una storia che un po’ estende un po’ esula dal punto di partenza) e’ che storicamente l’uomo vive di rapporti gerarchici verticali e in quello con la natura si e’ sempre posto in cima. Da che una serie di problematiche.

  2. Effimera ha detto:

    Apprezzo la chiusa. Il corpo mutante della signorina S. darà suggerimenti che un uomo curioso come il sig. L saprà raccogliere. Basti pensare ai cicli della femminilità, al rapporto col sangue, con la terra, con l’acqua, con la luna e i… lunatismi. Mutanti, eccome.

  3. gelsobianco ha detto:

    L’uomo è uno dei possibili sviluppi della natura e ne segue le leggi.
    Il signor L. avra avuto occasione di constatarlo, con vivo piacere, proprio con la signorina S.
    Suppongo!:-)

  4. Andrea Dévis ha detto:

    Cosa penserà la signorina S. di tutto ciò?

  5. Gildo Priblic ha detto:

    Egregio estensore della vita del Signor L., le scrivo da qui perché io sono io e posso dire di stare qui mentre lei potrebbe essere altrove da lì pur sostenendo di essere lì per conto del Signor L. Ad L. è demandato il commento, questo l’ho capito, oppure la ris-posta alle lettere che riceve, mentre lei scrive le pagine di diario osservando L., anche se L. potrebbe essere collegato in streaming da un altrove non definito o transcodificato da lei come estensione fisica del suo ego. L. esiste perché risponde ai commenti, lei perché induce L. ad essere dove lei desidera. Appare evidente il complotto tra lei e la signorina S. che mescola le carte e distrae il signor L. dalla realtà rendendolo rappresentazione del suo estensore, tanto che anche in taluni commenti il Signor L. chiede aiuto indicando in lei L. e astraendo sé dal suo compito di rispondere direttamente. La avviso di interrompere questa distrazione, e invito S. ad allontanarsi da L. per non obnubilarlo ulteriormente. Sarà mia cura intervenire su L. qualora desistesse dal mio invito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...