Love

Dunque adesso si sta consumando l’allontanamento. La sabbia sta diventando onda, l’onda si allontana dal traghetto e frange sulla spiaggia, la spiaggia si confonde con il sibilo del vento..
Il signor L ha provato a scomparire tra i pescherecci e capodogli ma il mare lo ha risbattuto a terra, gli ha intimato di riprendere a sanguinare come tutti gli altri e adesso sta ritornando sulla terraferma per farlo.
Tra poco saranno strade, incroci, distributori di benzina, svincoli autostradali, complessi residenziali sorti alla periferia delle città, poi città, chiese, locali densi di odori, e ancora uomini e donne e facce e parole. Quella è la frattura dell’uomo. Quello è il luogo dell’odio e dell’amore.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

12 risposte a Love

  1. arielisolabella ha detto:

    Una sirena lo sa .non puoi fuggire.

  2. ludmillarte ha detto:

    quando il Signor L. giungerà sulla terraferma, avrà anche il mio ‘bentornato’ (talvolta si può anche volare).
    chissà che quel ‘love’ possa accorgersi di malinconie verso orizzonti/panorami marini

    • L. ha detto:

      E’ arrivato, adesso l’autostrada scorre davanti a lui, le luci, il bianco delle strisce, un imbuto che lo conduce a Parigi 🙂

      • ludmillarte ha detto:

        un pochino la invidio Signor L….l’ultima volta che andai a Parigi …
        … una decina d’anni fa circa.
        Lei ci sarà senz’altro abituato, ma è una città che non si dimentica. Le sarei grata se le portasse il mio saluto

  3. Andrea Dévis ha detto:

    Questo Signor L. così disilluso, ma allo stesso tempo sognante e poetico, mi piace.
    Ma mi piaceva di più il Signor L. carnale e passionale, quello che descriveva i corpi, che raccontava di carnale bisessualità, quello che viveva in mezzo alla gente fingendo di farne parte, quello con lo sguardo analitico ma mai algido.
    Chi lo sa, magari, tra un’autostrada, una zattera e un imbuto di luce, tornerà.
    Ciao L.!

    • L. ha detto:

      Da un punto di vista strattamente narrativo sarebbe auspicabile una metamorfosi. Prima il pieno, poi il vuoto, dopo un pieno diverso, una diversa densità. Probabilmente un altro luogo, Andrea, un diverso sistema di relazioni. Chissà se il signor L. ne sarà capace, chissà se troverà altri occhi, un altro sguardo…
      🙂

  4. Grazia Bruschi ha detto:

    splendido.
    bentornato, ho sentito l’assenza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...